Home » Le nostre circolari » SMART WORKING - AGGIORNAMENTI

SMART WORKING - AGGIORNAMENTI

Con la conversione in legge del “Decreto Aiuti bis”, è stata prorogata al 31/12/2022 la possibilità di svolgere attività lavorativa in modalità smart working senza la necessità di stipulare un accordo individuale, rendendosi unicamente necessario comunicare i nominativi dei lavoratori interessati tramite il portale governativo.

E’ stato inoltre sancito, sempre fino al 31/12/2022, il diritto allo smart working per:

  • i lavoratori fragili, come definiti dal D.M. del 04/02/2022;
  • i genitori di figli minori di 14 anni, a condizione che la modalità organizzativa del lavoro agile sia compatibile con le caratteristiche della prestazione e che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell'attività lavorativa, o genitore non lavoratore.

Inoltre, è stata prevista, senza limiti temporali, la priorità all’accesso allo smart working in favore: 

  • dei genitori di figli fino a 12 anni di età;
  • dei genitori di figli disabili;
  • dei lavoratori che si trovano in una situazione di gravità accertata;
  • dei lavoratori che assistano soggetti con disabilità.

Trattandosi, questa, di una priorità e non di un diritto individuale, tali categorie di lavoratori non potranno accedere allo smart working se il datore di lavoro non intendesse attivarlo.

Il nostro Studio rimane a disposizione per chiarimenti e nel caso le Aziende Clienti volessero incaricarci della trasmissione dell'elenco dei lavoratori a cui è stato concesso lo smart working (anche per poche ore alla settimana) al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.